Weekend ad Amsterdam tra cibo e musica

Weekend ad Amsterdam tra cibo e musica

Weekend ad Amsterdam tra cibo e musica

A fine Settembre ho l’occasione di tornare per un weekend ad Amsterdam, una città che adoro.

Il “gancio” è il concerto dei Rolling Stones che, nel loro tour europeo, si esibiscono nella capitale olandese proprio sabato 30; io chiaramente ne ho approfittato per aggiungere e incastrare pranzi, cene, colazioni e visite nei negozietti che studiavo da un po’!

Arrivo il venerdì sera sotto una pioggia torrenziale, ma una volta coi piedi per terra – detesto volare -mi godo il clima autunnale che si respira ad ogni angolo.

Io preferisco, se possibile, soggiornare in appartamento o in piccoli B&B, li trovo più accoglienti e caldi, e per questa breve gita fuori porta ho scelto un appartamento di Airbnb a Jordaan, zona di cui mi ero letteralmente innamorata durante la mia ultima visita qui!

L’appartamento è perfetto, una scala ripida e stretta in perfetto stile olandese, grandi vetrate senza tende che affacciano sul canale, e la mia host mi aveva lasciato vino, biscotti e crackers come benvenuto!!

 

Il tempo di cambiarsi e mi muovo in direzione Hoed&Krelis http://hoedenkrelis.nl/, un ristorante non troppo formale, ma molto alla moda nella zona De Pijp.

La scelta è stata difficile, perché il panorama culinario di Amsterdam è veramente interessante, ed erano molti i posti che volevo provare, ma l’arrivo in serata non permetteva una cena di degustazione, e in più, vista la ragione principale del viaggio, ho pensato fosse in tema restare su posti più “cool”.

Il locale è molto curato, luci basse, tavoli semplici, una musica di sottofondo non troppo rumorosa e un servizio giovane e attento in stile newyorkese. In attesa del tavolo ho ordinato un mojito, ben fatto e leggero molto adatto ad un cocktail di ingresso, essendo a stomaco vuoto. Il menù è molto ristretto, ma propone scelte per tutti: ci sono piatti di carne, di pesce, di verdure e anche senza glutine. Ho ordinato un paté con pan brioche e a seguire una bistecca servita con moltissime verdure al forno ed essiccate, cosa che ha alimentato la mia voglia di acquistare un essiccatore per casa!

Il cibo discreto, il secondo mojito decisamente più forte!!

 

Il mattino seguente la città è ancora avvolta nelle nuvole e per me, che adoro l’autunno e l’atmosfera del nord, è perfetta. Per oggi ho prenotato un brunch a Jordaan in tarda mattinata, così ho il tempo di passeggiare tra questi canali incantati, guardando in alto le casette storte che adoro e in basso le prime foglie gialle che mi mettono subito di buon umore.

 

GS a really nice place http://www.reallyniceplace.com/ è un posticino piccolissimo con musica anni 80 e sui menù stampati su vinile, campeggiano quasi una ventina di BloodyMary differenti, uova di ogni tipo e gusto e bagels farciti. Alla fine propendo per un piatto con uova alla benedicte, pane nero, avocado e salmone dell’alaska, veramente ottimo, inizio con un caffè e proseguo con un Old Fashion – che mi sembra in tema con il concerto che mi aspetta a breve.

 

Il locale si riempie in fretta e quando esco c’è una fila di ragazzi in attesa: prenotare è stata proprio una splendida idea.

A stomaco pieno mi dirigo verso le prime due tappe di shopping del weekend.

Quando ho cambiato casa, un anno e mezzo fa, non ho avuto dubbi in tema di impianto audio: una qualità di altissimo livello e un giradischi, perché la musica su vinile è un’altra cosa.

 

Ad Amsterdam c’è un’ampia scelta di negozi in questo senso, ma dovendone scegliere uno solo per questioni di tempo, ho optato per Back Beat Records http://backbeat.nl/ un negozietto microscopico in zona Jordaan, aperto da oltre trent’anni, in cui trovare ogni genere di musica possibile: dai 45 giri jazz ai cd di musiche natalizie.

 

Inizio a perdermi tra scaffali, soppalchi e nicchie avvolta dalla musica e dalle immagini, so perfettamente che potrei trascorrere un’intera giornata qui dentro, è come un’oasi di pace in una città che si sta animando; alla fine esco con un vinile solo (anche per il risicato bagaglio a mano con cui mi ostino a viaggiare) che mi avvolge con le sue note proprio mentre scrivo queste righe.

 

Gironzolando tra le vie di questo quartiere incantato arrivo da De Weldaad https://www.weldaad.com/  negozio di arredamento e accessori per la casa con uno stile a metà tra l’industriale e il vintage. Non resisto alla tentazione di portare a casa qualche gancio in ottone con cui abbellire la cabina armadio e le targhette “gents” e “lady” che sulle porte dei bagni a casa saranno perfette!!

 

A questo punto, però, è ora di rientrare e prepararsi per il concerto, è uno dei miei sogni vedere i Rolling Stones, e ammetto che questa fuga un po’ matta mi piace davvero tanto. Per oltre due ore ammiro questi ormai non più giovani ragazzi che cantano, saltano, ridono e se la godono davanti a quasi 80 mila persone e ne rimango totalmente rapita.

 

Per il post concerto avevo prenotato da De Bajes http://www.naardebajes.nl/, ma ahimè quando arrivo a destinazione è troppo tardi, mi resterà il desiderio di tornare perché il locale è veramente carino, e i proprietari sono stati gentilissimi con me in fase di prenotazione. Mi “accontento” di un super burrito con patatine in un locale proprio lì vicino che, mi rendo conto solo dopo, sta sfamando tutti i reduci dal concerto all’alba della mezzanotte passata!!

La domenica esce un pochino di sole, e si alza un tipico vento freddo che mi permette di mettere finalmente un maglione di lana! I ritmi sono proprio quelli di una vacanza: passeggiate, sguardi in giro, qualche fotografia.

Oggi voglio esplorare la zona verso il centro con tappa nel paradiso di chi, come me, adora stare ai fornelli: da Dille & Kamille http://www.dille-kamille.nl/nl/ si può trovare di tutto dai tovaglioli di carta ricamati alle spezie, dai fiori secchi per le decorazioni a mestoli di ogni genere di materiale e grandezza!!

 

Tornando verso Jordaan rimango affascinata dalla vetrina di un negozio https://www.instagram.com/entrepotholland/?hl=it in cui convivono thè e orologi, calze da uomo e tazze per la colazione, il proprietario mi spiega che il posto è piccolo, ma spediscono in tutto il mondo e la tentazione di acquistare un servizio per le mie breakfastclub è forte, ma per la questione bagaglio di cui sopra mi limito a due thè, un earl grey davvero ottimo e un blend olandese speziato e caldo.

 

L’ultima tappa è Raw Materials http://www.rawmaterials.nl/, proprio dietro al mio alloggio quindi perfetta per un ultimo sguardo prima di rientrare; lo stile di questo negozio è interessante, e trovo molti spunti per ultimare alcuni angoli di casa ancora da finire.

 

Torno a casa piena di stimoli, per me viaggiare è questo: studiare un posto prima della partenza, immergermi nell’atmosfera locale, gustarne angoli, odori e sapori, e tornare a casa portandomi dietro un pezzettino di mondo.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo la mini guida sulle Spezie: cosa sono, quali usare e che proprietà hanno.



Ospito e curo eventi per chi cerca uno spazio in cui raccontarsi ed esprimersi. Lo faccio in un posticino speciale, casa mia che, nel tempo, è diventata una bottega di incontri, sperimentazione e condivisione.

No Comments

Rispondi