Vellutata d’autunno

Vellutata d’autunno

Finalmente è arrivato davvero l’autunno: adesso fa piacere mettere una sciarpa quando si esce, e il tepore in casa è un abbraccio che ti accoglie alla sera.

In questo periodo dell’anno stare ai fornelli mi piace ancora di più.

Quando fuori è buio, metto un disco di blues nel giradischi, bevo qualcosa e preparo la cena: in un attimo è magia.

Ultimamente, oltre a scegliere gli ingredienti della stagione, mi piace cercare spunto su internet e nei libri di cucina, e infine creare qualcosa di mio.

Devo dire che inizio anche a capire quali ricette possono funzionare, cosa va cambiato, e come aggiustare quel che leggo secondo i miei gusti.

Insomma, inizio a cucinare per davvero, non semplicemente a ripetere una ricetta.

A volte funziona, a volte meno, ma il bello sta proprio in questa continua sperimentazione.

Zucca e castagne, per me, sono l’emblema di questa stagione.

Solitamente con la zucca preparo il risotto, e le castagne finiscono nel forno per il dopocena, invece qui ho voluto unirle in una vellutata calda da portare in tavola.

Ho aggiunto lo zenzero perché il sapore era, per i miei gusti, troppo “piatto”, e le patate viola per un tocco di colore che, nello stesso tempo, offrisse croccantezza alla crema.

I colori sono perfetti, caldi, scuri, avvolgenti.

Il tocco speziato regala quella sferzata di energia che coi primi freddi ci vuole e fa tanto bene.

La cottura in forno della zucca e l’aggiunta della patata gialla creano una crema soffice e piena, ideale per me che non amo le vellutate troppo liquide.

Insomma, l’autunno in un piatto, veloce e semplice da preparare.

Tepore, profumo e colore così da fare bene agli occhi quando ci si siede a tavola

La ricetta la trovi qui

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo la mini guida sulle Spezie: cosa sono, quali usare e che proprietà hanno.

Ospito e curo eventi per chi cerca uno spazio in cui raccontarsi ed esprimersi. Lo faccio in un posticino speciale, casa mia che, nel tempo, è diventata una bottega di incontri, sperimentazione e condivisione.

No Comments

Rispondi