Le donne, l’amore e Demetra

Le donne, l’amore e Demetra

Oggi è San Valentino, la giornata degli innamorati.

Mia figlia, a scuola, ha un corteggiatore molto dolce che qualche giorno fa le ha regalato un cuore fatto con il filo di rame e una piccola Tour Eiffel.

Alla mia domanda “Come mai la Tour Eiffel?” ha risposto che non lo sapeva, lo aveva solo ringraziato senza fare ulteriori domande…

Mi capita spesso di chiedermi come saranno le sue relazioni amorose, se incontrerà qualcuno di adatto a lei, se soffrirà, se saprà stare da sola, se vorrà stare da sola.

Dal canto mio sto provando a trasmetterle che l’amore, quello pieno, emozionante, e semplice esiste, e magari si ha anche la fortuna di incontrarlo.

Le ho insegnato, a volte con tanta sofferenza, che non vale la pena restare in un rapporto che non fa stare bene, o forse lo ha insegnato lei a me quando una sera mi ha chiesto perché io non sorridessi mai…

Le ho dimostrato, spesso con tanta fatica, che si può stare da sole, senza un uomo accanto, o forse lo ha insegnato lei a me nelle tante notti in cui abbiamo dormito abbracciate…

Oggi le sto facendo vedere che si può amare con affetto e passione, sostenendosi e spronandosi, aiutandosi e ispirandosi, che si possono fare le cose assieme, pur rispettando le diversità di ciascuno, che si può parlare con gentilezza anche quando si è arrabbiati, che è bello chiamarsi “amore mio”, e che un po’ di sdolcinatezza fa bene al cuore!

Nell’ultima settimana ho ospitato, nel mio spazio, due eventi tenuti da Francesca: la lifecoach che aiuta “le donne che amano troppo a smettere di soffrire per amore”.

Penso che non esista al mondo una donna che non abbia sofferto per amore, che non abbia trascorso notti insonni, non abbia consumato pacchetti interi di fazzoletti di carta, parlato con un’amica per ore o divorato vaschette di gelato.

Ma a volte le cose sono più difficili, ci si ammala, ci si annulla, ci si azzera, e per alcune tutto questo è più frequente, è più difficile uscirne e a volte è proprio impossibile.

Francesca le ha ascoltate e stimolate, le ha aiutate a raccontarsi e a confrontarsi, le ha supportate e le ha comprese.

Io, dal canto mio, le ho accolte e nutrite, e siccome il tema degli “archetipi femminili” è stato più volte trattato in queste due giornate, sorge immediato il paragone con Demetra.

Colei che si prende cura e accudisce.

Ad alcuni fa storcere il naso, e un’iniziale reazione di scostamento l’hanno avuta anche alcune mie ospiti quando Francesca ha detto “Cosa vi viene in mente se vi dico una donna che cucina per la famiglia, che tiene in ordine la casa…”

Io, invece, non sono mai stata così felice come ora che posso prendermi cura della mia famiglia e di tutte le donne coraggiose che sto incontrando nella mia strada.

E più ci lavoro più scopro persone che mi sorprendono, con la loro forza, la loro energia, la voglia di non fermarsi, di ascoltarsi, di capire qual è il loro talento e farne dono agli altri.

Quando dovevo lanciare il mio sito ho pensato ai miei ex colleghi di azienda, alla loro reazione vedendo il mio progetto così distante da come mi avevano conosciuta.

E invece ho scoperto che, chi mi conosceva davvero, mi ha riconosciuta in questo lavoro molto più che in tutto quello che avevo fatto prima.

Sto raccogliendo tante storie di vita, e ieri, pranzando con un’altra donna determinata e forte conosciuta un paio di anni fa, ho avuto la conferma che queste storie vanno raccontate.

Chissà, magari ne nascerà un progetto nuovo, magari resterà un sogno nel cassetto, ma intanto so che se non mi fossi spinta fino a qui tutto questo non lo avrei nemmeno pensato.

E oggi, il binomio donne e amore, per me si concretizza in uno zaino e una macchina a noleggio.

Chi mi ama nel profondo, per il mio compleanno, mi ha regalato una due giorni con le mie due più care amiche, sapendo quanto stare assieme noi tre mi avrebbe reso felice.

E allora, mentre infilo nello zaino i golf a collo alto e i calzettoni di lana, penso che forse, la sofferenza amorosa del mio passato, è stata una strada dissestata che mi ha portata fin qui, a casa.

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo la mini guida sulle spezie: cosa sono, quali usare e che proprietà hanno.



Ospito e curo eventi per chi cerca uno spazio in cui raccontarsi ed esprimersi. Lo faccio in un posticino speciale, casa mia che, nel tempo, è diventata una bottega di incontri, sperimentazione e condivisione.

Tags:
No Comments

Rispondi